Strumenti per lo sviluppo aziendale - Piccole Imprese

PIA (Programmi Integrati di Agevolazione)

(Nuovo Avviso - Programma regionale FESR-FSE+ 2021-2027)

I Programmi Integrati di Agevolazione (PIA), in continuità con la programmazione precedente ed ampliando ulteriormente sia la platea dei potenziali beneficiari che le tipologie di iniziative ammissibili, si rivolge alle Pmi ed anche alle startup e imprese innovative che possono presentare, singolarmente o con altre Pmi, programmi di investimento per attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che possono essere integrati con investimenti produttivi, innovazione tecnologica ed organizzativa, formazione, consulenze specialistiche, programmi di internazionalizzazione e di partecipazione a fiere volti alla digitalizzazione e alla transizione energetica ed ambientale. Sono agevolabili anche, a determinate condizioni, iniziative di carattere commerciale.

Le agevolazioni concedibili attraverso lo strumento del PIA sono a fondo perduto.

Le istanze di accesso devono riguardare programmi di importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili del Programma Integrato di Agevolazione non inferiore a 1 milione di euro. I programmi di investimento produttivo devono avere un importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili fino a 50 milioni di euro per le medie imprese; fino a 40 milioni di euro per le piccole imprese e 20 milioni di euro per le imprese innovative e per le start up innovative. I costi per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale potranno arrivare a 40 milioni di euro per Programma Integrato di Agevolazione, fino a 3 milioni di euro quelli per l’innovazione delle Pmi e fino a 5 milioni per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione. Gli interventi formativi sono ammissibili fino a 2 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro per la tutela ambientale.

La misura, aperta dal 21 dicembre 2023, è strutturale e pluriennale, quindi non ha scadenza ma sarà attiva finché ci saranno risorse disponibili.

Le domande devono essere inoltrate, unicamente in via telematica attraverso la procedura online “Programmi Integrati di Agevolazione”, mediante la registrazione e la compilazione di quanto previsto sulla piattaforma PugliaSemplice, disponibile al link https://pugliasemplice.sistema.puglia.it/.

 

Per ulteriori info consulta qui l’Avviso pubblico

 

 

 

 

MiniPIA (Pacchetti Integrati di Agevolazione)

(Nuovo Avviso - Programma regionale FESR-FSE+ 2021-2027)

I MiniPia, Pacchetti Integrati di Agevolazione, si rivolgono a micro e piccole imprese, nonché ai liberi professionisti, con l’obiettivo di agevolare programmi integrati che combinano investimenti produttivi con l’innovazione, la formazione del personale, gli interventi di tutela ambientale, le consulenze specialistiche, i programmi di internazionalizzazione e di partecipazione a fiere. 

I Pacchetti Integrati di Agevolazione riguardano, dunque, programmi di investimento innovativi in quanto correlati alla digitalizzazione, all’efficientamento energetico e all’ecosostenibilità, di importo complessivo compreso tra 30mila e 5 milioni di euro. 

I programmi di investimento produttivo devono prevedere spese ammissibili non superiori al 90% del progetto integrato, in linea con i dettami dell’industria 4.0 e/o del green deal europeo; le spese aggiuntive dovranno obbligatoriamente includere il programma di innovazione, che potrà anche essere associato ad ulteriori spese per la formazione, per servizi di consulenza e di internazionalizzazione, per la partecipazione alle fiere nonché per interventi in tutela ambientale ed efficienza energetica.

Le iniziative da agevolare sono selezionate con procedura valutativa a sportello, a seguito di delibera di mutuo dell’Istituto di Credito a valere sul progetto presentato, che potrà anche usufruire delle garanzie concesse da Confidi e Medio Credito Centrale.

Le domande possono essere inoltrate, unicamente in via telematica, attraverso la procedura on line “Pacchetti Integrati di Agevolazione”, mediante la registrazione e la compilazione di quanto previsto sulla piattaforma PugliaSemplice, disponibile al link https://pugliasemplice.sistema.puglia.it/. La domanda viene poi inoltrata al Soggetto Finanziatore o al Confidi, che, verificata l’idoneità del proponente, adotta la delibera del mutuo e la trasmette a Puglia Sviluppo per l’istruttoria.

La misura, aperta dal 29 febbraio 2024, è strutturale e pluriennale, quindi non ha scadenza ma sarà attiva finché ci saranno risorse disponibili.

 

Per ulteriori info consulta qui l’Avviso pubblico.

 

 

 


Loading...